Ionian islands greece

Isole grecia ionica

Arcipelago composto da oltre 120 isole di cui circa 20 abitate.

Su questo mare un tempo hanno navigato le barche dei marinai che hanno contribuito a fare la storia del Mediterraneo, diffondendo culture e tradizioni.

Le isole della grecia Ionica sono un paradiso per chi naviga a vela grazie alle favorevoli condizioni climatiche e alla possibilita di scoprire innumerevoli baie con acqua cristallina.

I villaggi dei pescatori offrono la caratteristica ospitalità greca:accoglienza amichevole e una cucina

famosa al mondo,saganaki, insalata greca, moussaka, provatina,stifado,etc

Accompagnati da un vento leggero di maestrale navugheremo su un mare limpidissimo , tra paesaggi variopinti e odorosi di macchia mediterranea, ripercorrendo le rotte di Ulisse verso l'amata Itaca.

 

Partendo da nord troviamo le isole Diapontie: Ericoussa, dove a sud si puo ormeggiare in rada vicino alla spiaggia, Fano o in greco Othonì con le spiagge di Asprì-Ammos e la baia di Calipso, Merlera o Matraki col suo piccolo porticciolo e il bellissimo isolotto del diavolo (el Diablo)

Le diapontie sono per la gran parte disabitate, tranne Ericoussa e Fano dove si puo godere di relax taverne e qualche albergo.

 

Corfù o anche Kerkyra, è posta di fronte all'Albania ed è la seconda per estensione, ricoperta da milioni di alberi di ulivo e numerosissime spiaggie e paesini.

Le localite piu belle e suggestive sono Agios Stefanos, Kassiopi ,Ipsos, Sidari, Kalami, Gouvia, Dassia, e Morakaitika.

Non da meno per importanaza e bellezza consigliamo di vistare luoghi storici che portano il segno

della dominazione veneziana ed inglese il campanile della cattedrale di San-Spiridone patrono della città, antica fortezza della città di Corfù, Chiesa di Panaghia col monastero di Vlacheraina, l'isolotto e la laguna di Pontikonissi detta isola del Topo trasformata in pietra dall'ira di Poseidone, la Torre dell'Orologio, la villa di Sissi con la statua di Achille.

Tra le baie piu belle e suggestive Palaiokastritza , Agni-beach, Asprì Baia di Kalamy, Avlaki beach-

la baia di Capo Drastis, il canale di amour a sidari, la baia di Marathias, Melitsa, la spiaggia di Rovinia e il porticciolo di Kalura.

 

Da Kerkyra la nostra navigazione riprende per Paxos e Antipaxos, due perle, e per la costa dell'-

Epiro con la coloratissima Parga e la spiaggia di Valtos e Panagia Island, gli isolotti di Sivota e di Mourtos , ed i paesini di Igoumenitsa per lo piu base di arrivo dei traghetti , ed il piccolo porticciolo di Plataria.

Secondo la mitologia greca, Poseidone separò Paxò da Corfù con il suo tridente in modo da creare un nido d'amore per lui e la sua sposa Anfitrite

 

La minuscola Paxi (paxos) è separata dall'estremita meridionale di Corfu' soltanto da un braccio di mare lungo 11 km, essendo sfuggita al turismo di massa, è molto raffinata!

A paxi si trovano soltanto tre centri urbani lungo la costa, con il suo panorama da cartolina , Gaios è l'attraente capoluogo dell'isola: vanta un porto veneziano, una fortezza in rovina e gli isolotti di Panaghia e Agios Nikolaos.

Longos o detta anche Loggos si trova sulla costa est 5 km piu a nord, è meravigliosamente tranquillo, con ottime taverne tipiche.

Il porticciolo e la piu bella rada dello ionio e quella di Lakka a nord, è frequentatissima da numerosi yacht che ormeggiano nelle sue acque cristalline.

Da non perdere assolutamente Eremitis, da cui si puo ammirare uno dei piu bei tramonti,

le spiagge di Menadendri, l'isolotto di Mongonissie la baia di Arkoudaki.

Tra le piu belle spiaggie di tutto il mondo ma sicuramente del Mediterraneao, troviamo

Le tre baie di Voutumi, ad Antipaxos, soprannominate anche le Piscine, per il colore della

sabbia e dell'acqua limpidissima.

 

Lefkas,chiamata in italiano Santa Maura, nome datole dai Veneziani,è separata dalla terraferma solo da un istmo lagunoso lungo circa 6 km, con un ponte che apre al passaggio delle imbarcazioni ogni ora.

Tagliata da un canale navigabile e in parte occupata da saline; è costituita da un altopiano calcareo, dal quale venivano precipitati in mare i malfattori e, secondo la tradizione, si gettavano gli innamorati non corrisposti (vedi saffo)

Per lo piu ricoperta da viticoltura e olivocultura con l'isola di Meganisi forma il nome di Leucade prospiciente la costa dell'Arnania , a cui in origine era collegata.

Abitata già in età neolitica, l'isola fu colonizzata, dai Corinzi, i quali scavarono un canale lo stretto di Corinto.

Di particolare interesse le necropoli preistoriche della pianura di Nidri ,il castello di Santa Maura,

Capo Lefkas o salto di Saffo, la Grotta di papanikolḗ, i paesini turistici di Nikiana, Nidri e Vassiliki.

"Leukòs" bianco è il colore della maggior parte delle sue bellissime spiaggie le piu belle e da non perdere : Aftali Beach, Aghiofili beach, Porto Katsiki, Egremni beach

Kathisma con i suoi colori stupendi, Amoglossa, Gyra e la bellissima Agios Ioanniscon i mulini a vento , il monastero ed un infinita di amanti del mare dal kitesurf, al windsuf al SUP.

 

Continuando a veleggiare nelle Isole Ionie centrali, dopo aver visitato Preveza con i suoi Marina

e cantieri nautici, ed i suoi baretti e locali notturni troviamo Vonitza paesino, dove e facile trovare ormeggio e ben riparato all'interno del golfo di Ambracian.

Scendendo dopo il canale di Lefkada dirigendosi verso Meganissi possiamo sostare nei paesini

di Paleros, o Vounaki.

Tra Lefkas e la terraferma, di fronte ai paesini di Lygia e c'e la spiaggia dei campi di grano di Vatheiavali, bellissima e suggestiva.

Scendendo piu giu di fronte al paese turistico di Nidri troviamo Skorpios un tempo di propietà di Onassis, venduta 2 anni fa a dei facoltosi Russi,e le piccole Skorpidi e Maduri.

La rotta non puo che fare sosta a Meganisi, dove possiamo ormeggiare a Spartochori e mangiare

alla taverna di Babbis, o proseguire a Vathi capuoluogo dell'isola, dopo aver fatto un bagno in rada nelle bellissime insenature di porto Atheni.

A sud di Meganisi oltre le numerose grotte sul lato Ovest ce il piccolo isolotto di Kythros.

Proseguendo oltre dobbiamo decidere se fare rotta a Est per andare a visitare Kalamos e la spiaggia di Pelion beach ed il paesino di Mitikas o prima fare sosta per un bagno a Kastos ad Arkoudi o ancora meglio ad Atokos nella famosa One house Bay.

 

Cefalonia o Kefalonia come dir si voglia, è la piu grande delle isole Ionie.

E' una terra ricca di testimonianze archeologiche di un passato glorioso, dove è possibile visitare il monastero di Agrilion, i castelli veneziani di Assos, la caverna e le grotte di Melissani Lake con le sue stallattiti dove si adorava il dio Pan.

Fiskardo e il capoluogo dell'isola, porticciolo stupendo, raffinato ed elegante in cui poter sostare

anche per piu giorni.

Meritano di essere visti anche i paesini di Argostoli, col faro di Aghoi-Theodoroi, Assos, Sami e la spiaggia di Antisamos-Sami, e Poros.

Le spiagge piu belle di Cefalonia Agia Efimia, Antipata la Baia di Myrtos, Makris gialos

Porto Skala, Agia Eufimia, Emblissi beach, Karavomilos,Kaminia Beach, Lixouri e Xi Beach con le loro spiaggie rosse , la scogliera di argilla di Lourdata,Vouti Beach-Cefalonia, ed infine Zola e Svoronata.

 

Itaca è universalmente nota per essere stata, secondo la leggenda, la patria dell'eroe leggendario Ulisse, per esservi ambientata parte dell' Odissea il celeberrimo poema di Omero

di cui potrebbe essere la patria.

Tuttavia, fin dall'antichità si è notata incoerenza tra la descrizione dell'isola nel poema e l'Itaca visibile.

In particolare, due aspetti della descrizione rappresentano le più grandi incongruenze. In primo luogo, l'antica Itaca è descritta come un'isola piana, invece l'odierna è un'isola montuosa. Poi è descritta come "la più inoltrata nel mare, diretta verso il tramonto, invece nell'arcipelago delle Isole del Mar Ionio Cefalonia è l'isola più occidentale.

I Paesini che meritano di essere visitati sono frikes e Kioni a nord est con le loro splendide insenature e porticcioli.

Il capoluogo con la sua grande baia è Vathì, con la sua chiesetta all'entrata e lo splendido paesino.

Meritano inoltre una sosta l' isolotto di ligia a sud est o le splendide spiaggie bianche a nord

di Itaka.

Zante terra natale di Ugo Foscolo "fior di Levante" per i veneziani, è famosa per il suo mare pulito e cristallino la spiaggia del relitto o meglio spiaggia del Navagio e le grotte blu caves , grotte di Keri, la grotta sulfurea di Marathia ne sono alcuni esempi.

Le spiaggie hanno sabbia fina e dorata, l'acqua è calda ed ospitale soprattutto a Gerakas e Laganas

qui infatti vengono a nidificare le tartarughe caretta caretta di fronte al ponte con l isola di Cameo nella turtle bay.

Meritano di essere visti la Cattedrale di San Dionisio, il Monastero della Vergine Skopiotissas sulla cima del monte Skopos, il faro di Kerì, Argasi, capo Marathia, porto vromi, tsilive,Volímes, Xingia

Agios Sostis, il porto Limionas, Dafni e l isola di Marathonissi vista da Lithakia.